Installazione di pontili galleggianti

installazione di pontili galleggianti

L’installazione di pontili galleggianti rappresenta un processo complesso e mirato, che si sviluppa attraverso diverse fasi e richiede una progettazione accurata.

Il processo inizia con una dettagliata topografia del fondale del lago. Questo passo è uno tra i lavori subacquei iniziali fondamentali per comprendere la conformazione del terreno lacustre e pianificare l’installazione del pontile in base a queste caratteristiche. La progettazione del pontile e del sistema di ormeggio dipende strettamente dalla topografia identificata.

Esistono diverse modalità per l’ancoraggio e l’installazione di pontili  galleggianti. Una delle opzioni prevedeinstallazione di pontili galleggianti l’uso di corpi morti in cemento, collegati al pontile attraverso catene d’ormeggio. Questo sistema garantisce stabilità e resistenza alle variazioni delle condizioni ambientali. Altri approcci possono essere metodologie con pali e palificazioni, che impiega una serie di pali ben piantati nelpontile con pali lago di lugano fondale e creando una palificazione strutturale per la tenuta del pontile; è ideale per mantenere il pontile in fondali poco profondi ed eventualmente le sue braccia o finger che vanno verso maggiori profondità vengono assicurati tramite catenarie e blocchi sul fondo.

Nella progettazione, è essenziale considerare vari fattori, tra cui le correnti del lago, le diverse tipologie di imbarcazioni che attraccheranno e, soprattutto, la forza e la direzione dei venti. Questi elementi influenzano la resistenza e la stabilità del pontile nel tempo.

La presenza di una passerella è quasi sempre necessaria, simile nella fattura al pontile stesso, per garantire un passaggio sicuro tra la terraferma e la struttura galleggiante. Le passerelle sono progettate con la stessa attenzione ai dettagli del pontile, garantendo la continuità estetica e funzionale.

La struttura principale dei pontili è pontile martini lago di luganorealizzata in acciaio o alluminio, materiali noti per la loro resistenza e durabilità in ambienti acquatici. I galleggianti, che costituiscono la parte immerse del pontile, possono essere realizzati in plastica o cemento, sempre contenendo polistirolo per garantire la necessaria galleggiabilità.

Un aspetto fondamentale, tra le lavorazioni subacquee, dell’installazione dei pontili galleggianti riguarda la predisposizione di impianti idrici ed elettrici per le colonnine dei servizi. Questi includono illuminazione notturna, sistemi di ancoraggio e accesso all’acqua. La sicurezza notturna è garantita attraverso l’installazione di fari verdi o rossi per la navigazione e luci lungo il perimetro del pontile.

Esistono anche tipologie di porti ancorati con cavi tesi sott’acqua, ma la loro diffusione è in declino a favore delle soluzioni più avanzate e versatili offerte dai pontili galleggianti.

Infine, ogni pontile installato deve ottenere la certificazione da parte degli organi competenti prima di essere aperto al pubblico. Questa certificazione attesta la conformità alle normative di sicurezza e la qualità dell’installazione dei pontili galleggianti, assicurando una struttura sicura e funzionale per proprietari di natanti e visitatori.

Puoi leggere anche:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti gli articoli